Attività educative e di formazione

La dott. Rossella Ivaldi organizza e cura periodicamente le seguenti attività di formazione presso Società Scientifiche e presso i suoi studi.
 
Corsi permanenti aperti a Medici e Odontoiatri:
• “La Relazione Medico-Paziente”.
•  “Il Paziente con Problematiche Psicologiche-Psichiatriche è un rischio per l’Odontoiatria: come individuarlo e come gestirlo”.
•  “Approccio Olistico al Paziente Odontoiatrico”.
•  “Approccio Bio-Psico-Sociale al Paziente Odontoiatrico”.
 
Corsi permanenti aperti a tutti gli interessati ai seguenti argomenti:
•  “la Comunicazione Verbale e non Verbale”.
•  “La Depressione e la Terapia della Risata”.
•  “Tonificazione del Corpo e della Mente”.
•  “Dolore e Depressione”.
•  “Conoscere il linguaggio del Corpo”.
 

Cos'è il Bullismo?

Bullismo

E' una forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale di natura sia fisica che psicologica, oppressivo e vessatorio, ripetuto nel corso del tempo e attuato nei confronti di persone considerate dal soggetto che commette l'atto in questione come bersagli facili e/o incapaci di difendersi.

 

Il Bullo

 

  • Non è un leader
  • Non è un buon conduttore del gruppo
  • Non agisce in modo costruttivo
  • Non porta positività alla società

 

Il Bullo

 

  • E' un malvagio
  • Ride quando un altro piange
  • Provoca tutti i più deboli di lui
  • Non teme nulla
  • E' sempre in lite con qualcuno

Il Bullo può essere: dominante o gregario

Dominante

 

  • E' aggressivo verso adulti e coetanei
  • Impulsivo e scarsamente empatico
  • Ha una bassa tolleranza alla frustrazione
  • Riesce a manipolare la situazione a proprio vantaggio
  • Il suo rendimento scolastico peggiora con l'aumentare dell'età

Gregario

 

  • Sostiene il bullo dominante
  • Non prende iniziativa nell'attaccare
  • E' ansioso ed insicuro
  • E' poco popolare con basso rendimento scolastico

Le Vittime del Bullo possono essere:

Passive

 

  • Hanno scarsa autostima
  • Sono ansiosi ed insicuri
  • Sono incapaci di reagire ai soprusi

Provocatrici

 

  • Sono ansiose ed aggressive
  • Sono iperattive e offensive
  • Tendono a controbattere
  • Aumentano l'incidenza dei fattori di rischio

Conseguenze per i bulli

A breve termine possono avere un basso rendimento scolastico, difficoltà relazionali, incapacità a rispettare le regole.

A lungo termine possono abbandonare il percorso scolastico, potrebbero avere un comportamento antisociale e mettere in atto furti, rapine e crimini, inoltre possono essere aggressivi in famiglia.

 

Conseguenze per le vittime

A breve termine possono avere sintomi fisici (mal di testa e nausea), sintomi psicologici (disturbi del sonno ed incubi, bassa autostima) e in generale basso rendimento scolastico

A lungo termine: depressione, ansia, ideazione suicidaria, disturbi del comportamento alimentare, isolamento sociale.

Share by: